Cirò

“Barolo del Sud”: ecco come Hugh Johnson, autore del libro “Atlante dei vini”, vera e propria bibbia degli amanti del vino, definisce senza esitazione il Cirò. Prodotto in tre tipologie diverse, Rosso, Rosato e Bianco, il Cirò si distingue per il suo profumo fruttato ed avvolgente, e per il sapore intenso ed equilibrato.

Scopriamo insieme il Cirò, la cui affascinante storia risale addirittura ai tempi della Magna Grecia e che il passare del tempo non ha minimamente intaccato, al punto da renderlo un vino di tutto rispetto nel panorama nazionale ed internazionale.

Zona di produzione del Cirò

La storia del vino Cirò affonda le sue radici nella notte dei tempi. Secondo le fonti più attendibili pare che i coloni greci, sbarcando sulle coste calabresi, rimasero colpiti dalla estensione dei terreni dedicati alla cultura della vite, e contribuirono a tutto ciò importando dalla madrepatria dei vitigni di origine, appunto, ellenica. Fra essi, nelle zone di Sibari e Crotone, venne introdotto il cosiddetto “Krimisa” (noto anche come “Cremissa”), che a tutt’oggi viene considerato l’“antenato” dei vitigni attualmente coltivati. Fra gli altri vitigni introdotti furono anche il Gaglioppo e il Greco Bianco, vere e proprie spine dorsali dell’attuale produzione di Cirò.

Pare che il Krimisa fosse talmente apprezzato dall’antichità da essere considerato il “vino ufficiale” delle Olimpiadi, offerto ai vincitori delle competizioni. Una sorta di sponsor ante litteram, insomma, che fu riportato in auge nel 1968 in occasione dei Giochi Olimpici tenutisi a Città del Messico. In quell’occasione, andando a ripescare l’antica tradizione legata al Krimisa, il Cirò venne offerto a tutti gli atleti impegnati nelle competizioni come gesto evocativo del passato. Naturalmente, oltre al valore simbolico legato a questo gesto, le motivazioni erano anche quelle di consentire al grande pubblico di venire a conoscenza del Cirò e di rilanciarne pertanto l’immagine (all’epoca un po’ sbiadita) sul panorama internazionale.

Cirò

La storia del Cirò, infatti, fu caratterizzata dall’insorgenza di veri e propri periodi bui. Fra i più gravi, il primo fu la decadenza della Magna Grecia e della sua cultura, che inevitabilmente portò ad una riduzione e ad una “barbarizzazione” della viticultura calabrese; fra le crisi più recenti, di rilevante entità è quella legata al parassita della fillossera che, nel diciannovesimo secolo, mise a repentaglio la sopravvivenza stessa dei vitigni non solo in Calabria, ma in tutta Europa.

Negli ultimi tempi il Cirò sta vivendo una stagione di forte rilancio, dovuta anche al riconoscimento della DOC (Denominazione di Origine Controllata) che avvenne nel 1989. Il Disciplinare identifica tre precise tipologie di Cirò: Rosso, Rosato e Bianco. Il vino Cirò inoltre, per fregiarsi della denominazione DOC, deve essere prodotto nei territori di comuni di Cirò, Cirò Marina e in parte dei comuni di Melissa e Crucoli. Tutte le operazioni di vinificazione, inoltre, devono essere compiute all’interno di questa precisa area geografica. A quei vini provenienti da uve prodotte e vinificate nei territori comunali dei paesi di Cirò e di Cirò Marina il Disciplinare riserva inoltre la qualifica aggiuntiva di “Classico”.

Prodotto dunque sin dall’antichità, il Cirò è un vino apprezzato non solo per le sue caratteristiche organolettiche, ma anche per le sue virtù che erano definite addirittura terapeutiche. Fonti storiche riferiscono di affermazioni pronunciate da stimati medici, che dichiaravano “il Cirò è un tonico opulento e maestoso per la vecchiaia umana che vuole coronarsi di verde ancora per anni”, e che definivano questo vino nientemeno che “un sicuro cordiale per chi vuole recuperare le forze dopo una lunga malattia”. Naturalmente, queste affermazioni derivano più da un apprezzamento di tipo personale nei confronti del Cirò che da effettive evidenze scientifiche, ma fanno capire quanto attaccamento il popolo calabrese ha sempre manifestato nei confronti di questo eccellente prodotto.

Vitigni utilizzati e invecchiamento del Cirò

I vitigni autorizzati per la produzione del Cirò sono tre:

  • Gaglioppo
  • Greco Bianco
  • Trebbiano Toscano

Il Gaglioppo è un vitigno diffusissimo sia nel resto della Calabria che in varie regioni dell’Italia meridionale, ed è conosciuto anche coi nomi di Mantonico Nero e Magliocco. Si tratta di un vitigno resistente e dalla maturazione precoce, che cresce in modo disinvolto anche sull’aspra e siccitosa terra calabrese, ed è questa una delle ragioni principali del suo successo. Il vitigno conosciuto come Greco Bianco ha la sua origine in Tessaglia, e conferisce al vino sentori fruttati ed uno spiccato colore paglierino-dorato; il Trebbiano Toscano, infine, è un vitigno molto diffuso su tutto il territorio nazionale e che viene impiegato per la produzione di numerosissime tipologie di vino grazie alla sua adattabilità nei confronti del terreno e del clima, alla buona produttività per ettaro ed alla relativa “neutralità” del suo sapore.

Il Cirò, nelle sue varietà Rosso e Rosato, viene prodotto con uve provenienti da vitigni Gaglioppo e, in una misura massima del 5%, da Trebbiano Toscano e Greco Bianco. Il Cirò Bianco deve essere invece ottenuto interamente da uve Greco Bianco, per le quali è ammessa un’aggiunta massima del 10% di uve Trebbiano Toscano.

Il Disciplinare di produzione stabilisce inoltre limiti ben precisi: la resa massima di uva ammessa per la produzione dei vini Cirò Rosso e Rosato non deve superare i 115 quintali per ettaro, mentre per il Cirò Bianco il limite è di 135 quintali per ettaro, pena l’esclusione dalla DOC. La resa massima delle uve in vino non deve inoltre superare il 70% per il Cirò Rosso e Rosato, ed il 72% per il Cirò Bianco.

La messa in commercio del Cirò è autorizzata solo a partire dal 1° giugno dell’anno successivo alla vendemmia. La tipologia “Rosso”, in particolare, presenta un periodo di invecchiamento obbligatorio stabilito in un tempo di nove mesi. Il Cirò, ed in particolare le buone annate di questa tipologia, si presta abbastanza bene ad un ulteriore invecchiamento in bottiglia, fino in genere a 68 anni. Se l’invecchiamento viene protratto per almeno due anni, calcolati a partire dal 1° gennaio successivo all’annata di produzione delle uve, in etichetta può essere riportata la qualificazione “Riserva”.

Caratteristiche organolettiche e chimiche del Cirò

Il Rosso e Rosato presentano colore rosso-rubino più o meno intenso; il profumo è intensamente vinoso, ma delicato e gradevole; il sapore è caldo, corposo, armonico e tende a diventare sempre più spiccatamente vellutato col procedere dell’invecchiamento. Queste tipologie di vino presentano una alcolicità relativamente elevata: la gradazione alcoolica minima complessiva è, infatti, di 1. Qualora, tuttavia, all’atto della messa in vendita il vino avesse una gradazione alcolica superiore ai 13.5°, questo può fregiarsi in etichetta dell’attestazione “Superiore”. Mentre l’acidità totale deve essere per entrambe le tipologie del 5 per mille, l’estratto secco netto minimo per Rosso e Rosato è, rispettivamente, del 20 e del 17 per mille.

Il Cirò Bianco presenta un bel colore giallo paglierino, più o meno intenso; il suo profumo è fruttato, gradevole e spiccatamente vinoso, mentre al palato il suo sapore è secco, delicato ed armonico. Il suo titolo alcolometrico volumico minimo è di 11°; l’acidità totale minima è del 5 per mille, mentre l’estratto secco netto minimo è del 16 per mille.

Modalità di servizio e abbinamenti del Cirò

Il Cirò, nelle sue varietà Rosso e Rosato, si presta bene ad accompagnare piatti a base di selvaggina, arrosto, carni rosse. Molto adatto anche ad essere servito con carni alla brace o alla griglia, si sposa bene anche a primi piatti con condimenti saporiti (sughi a base di carne o insaccati). La temperatura ideale di servizio è compresa fra 18 e 22°C.

Il Cirò Bianco, invece, è un ottimo aperitivo; servito freddo, ad una temperatura di 12°C circa, rinfresca il palato ed accompagna in modo eccellente il pesce, che esso sia sotto forma di antipasti, primi piatti, tagliate, crudité o specialità al forno.

Siti internet per approfondire il Cirò

Disciplinare di produzione del vino Cirò
Testo ufficiale del Disciplinare di Produzione del Vino Cirò DOC

Consorzio di Tutela dei Vini Cirò e Melissa
Sito contenente informazioni su territorio, produttori, cantine; offre inoltre la possibilità di acquistare vini online.

Tags:

Una risposta

  1. Mimmo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *