Chianti Classico

Il Chianti è fra i vini rossi italiani più conosciuti nel mondo: patrimonio della Toscana da secoli, la sua produzione si divide fra “Chianti DOCG” e “Chianti Classico DOCG”. Scopriamo dunque la storia e le caratteristiche di questo vino, la cui qualità è apprezzata ovunque nel mondo e che deriva da una accurata scelta degli uvaggi, nonché dalla maestria dei produttori vinicoli, retaggio di una sapienza antica.

Zona di produzione del Chianti e del “Chianti Classico”

All’inizio del 1700 il Chianti (non siamo ancora al Chianti Classico) viene ricordato un ‘piccolo primato’: si tratta, infatti, del primo vino nella storia che le autorità del tempo cercarono di regolamentare, attraverso un “antenato” degli odierni disciplinari di produzione. Fu Cosimo III, Granduca di Toscana, ad emanare infatti già nel 1713 delle norme atte a stabilire i confini della zona di provenienza del Chianti e le modalità della sua produzione. Fu tuttavia nella prima metà del 1800 che il Chianti, più o meno nella veste col quale lo conosciamo attualmente, venne “teorizzato”: questa paternità è da attribuire al contributo di molti esperti enologi e viticoltori ma, in modo speciale, a Bettino Ricasoli.

Questo agricoltore ed enologo, grazie anche alle sue competenze e conoscenze politiche, riuscì a far apprezzare anche al di fuori dei confini italiani quel suo vino particolare, prodotto per la prima volta nel Castello di Brolio (Arezzo). Attraverso la scelta di un particolare uvaggio, infatti, Ricasoli riuscì a produrre un vino che, per la sua qualità, cominciò ad essere presto molto richiesto sia in Italia che all’estero (soprattutto in Inghilterra).

Chianti Classico

Purtroppo, parallelamente alla fama del Chianti, si moltiplicarono anche i tentativi di imitazione a suo danno: la necessità di una regolamentazione a tutela dei produttori e della qualità del vino venne per la prima volta sancita dal “Consorzio per la difesa del vino tipico del Chianti e del suo marchio di origine”, che nelle prima metà del Novecento raccoglieva 33 produttori vitivinicoli della più antica (“Classica”) zona di produzione.

Nel 1967 il vino Chianti ricevette l’attestazione DOC (Denominazione di Origine Controllata), mentre l’ambita DOCG (Denominazione di Origine Controllata e Garantita) venne assegnata meno di vent’anni dopo, nel 1984. All’interno di questa DOCG viene riconosciuto anche il Chianti Classico DOCG, regolamentato da un proprio disciplinare di produzione riconosciuto per legge dal 1996.

Il vino Chianti DOCG è attualmente prodotto nelle province toscane di Arezzo, Firenze, Pisa, Pistoia, Prato e Siena; il territorio di produzione è articolato in diverse sottozone geografiche, precisamente quelle conosciute con il nome di Colli Fiorentini, Rufina, Montalbano, Colli Aretini, Montespertoli, Colline Senesi e Colli Pisane.

Vitigni utilizzati e invecchiamento del Chianti

Il vino Chianti DOCG viene prodotto utilizzando uve del vitigno Sangiovese per almeno il 75% del totale, seguite dal Canaiolo nero (fino ad un massimo del 10%) e da altri vitigni (in purezza o combinati) come il Trebbiano toscano e la Malvasia del Chianti (anche qui per un massimo del 10%). Infine, possono concorrere alla produzione del Chianti tutte quelle uve raccomandate e/o autorizzati nella zona di produzione, fino ad un 15% per il Chianti tout court, e fino ad un massimo del 20% per il Chianti che, in etichetta, ha un preciso riferimento alle sottozone geografiche di produzione (per esempio “Colli Aretini”, “Colli Senesi”, “Colline Pisane”).

La produzione massima per ettaro è compresa, a seconda della zona, fra 75 e 90 quintali, mentre la resa in vino dell’uva non deve essere superiore al 70%. Infine il vino Chianti, per avere diritto alla specificazione “Riserva”, deve essere fatto invecchiare per almeno 24 mesi, dei quali tre in bottiglia.

Per il Chianti Classico DOCG le uve Sangiovese devono concorrere per almeno l’80% del totale dell’uvaggio; è consentito aggiungere, fino ad un massimo del 20%, anche altri vitigni locali come ad esempio il Colorino e il Canaiolo nero o di altra provenienza, purché raccomandati e/o autorizzati nella zona di produzione (come, ad esempio, il Merlot o il Cabernet Sauvignon). Inoltre, la resa massima dell’uva a ettaro è di 75 quintali, mentre la resa dell’uva in vino non può superare il 70%; questo fa sì che le produzioni di Chianti Classico siano di una cinquantina di ettolitri per ettaro.

Secondo il disciplinare di produzione, la commercializzazione del vino Chianti può essere effettuata solo a partire dal 1° ottobre dell’anno successivo alla vendemmia, mentre per la denominazione “Riserva” l’invecchiamento minimo obbligatorio previsto è di 24 mesi, dei quali almeno tre devono essere trascorsi per un periodo di affinamento in bottiglia. In etichetta, infine, deve essere chiaramente specificata l’annata di produzione delle uve.

Caratteristiche organolettiche e chimiche del Chianti

Il colore del vino Chianti DOCG è un bel rubino vivace che, con l’invecchiamento, tende a presentare riflessi granato. L’odore richiama sentori floreali ed in particolar modo di viola e mammola, e con il procedere della maturazione tende a diventare sempre più spiccatamente fine. Il sapore è asciutto, leggermente tannico ed armonico; man mano passa il tempo, il gusto tende a diventare via via sempre più vellutato ed equilibrato.

Il titolo alcolometrico volumico totale deve essere superiore ad 11.5° per la tipologia “Chianti” e per i vini provenienti dalle zone “Colli Aretini”, “Colli Senesi”, “Colline Pisane” e “Montalbano”; per i vini con attestazione “Superiore” e prodotti nelle sottozone “Colli Fiorentini”, “Rufina”, “Montespertoli” il titolo alcolometrico volumico totale minimo è invece di 12°. L’estratto secco netto minimo è di 19 grammi/litro per il “Chianti”, di 21 g/l per i vini provenienti dalle varie sottozone e di 22 g/l per quelli con la specificazione “Superiore”.

Nel vino Chianti Classico DOCG il colore deve essere intensamente rubino, con profumi floreali e di frutti rossi. Il sapore è asciutto, pieno e intensamente e tannico; con il procedere della maturazione, questo si affina sempre più diventando vellutato e morbido al palato. La gradazione alcolica minima per il vino Chianti Classico è di 12° per quello giovane, mentre il “Riserva” deve avere un contenuto volumico in alcol almeno di 12.5°. L’estratto secco netto minimo è di 24 grammi/litro, mentre l’acidità totale minima non deve essere inferiore al 4.5 per mille.

Modalità di servizio e abbinamenti per il Chianti

Non si può parlare di un solo “Chianti”, ma di numerose tipologie di questo vino: pertanto, anche gli accostamenti fra vino e tavola sono specifici per le differenti denominazioni. Ad esempio, il Chianti “Colli Aretini” è un vino da tutto pasto che accompagna zuppe saporite, carni grigliate e stufati, ma anche il pesce in umido. Insieme al “Montalbano” e al “Colline Pisane” questo vino viene considerato fra i più leggeri, fruttati, sottili e poco alcolici: per questo, per essere apprezzato al meglio va servito a temperature di circa 16-18°C. Mentre il Chianti “Montalbano” esalta particolarmente le carni alla brace e quelle in umido, il “Colline Pisane” si adatta particolarmente ad arrosti, preparazioni sia di carne che di pesce in umido, oppure zuppe di legumi.

Fra i vini più robusti e strutturati, e per questo anche con un maggiore tenore alcolico, la temperatura di servizio consigliata è fra i 18 e i 20°C. I Chianti delle tipologie “Rufina”, “Colli Senesi” e “Colli Fiorentini” sono, a causa della loro robustezza, particolarmente adatti per accompagnare carni arrosto, brasati, cacciagione e selvaggina (come, ad esempio, ricchi piatti a base di capriolo, cinghiale, lepre o fagiano). Da soli, possono anche essere apprezzati vini da meditazione come, in particolar modo, il “Rufina”.

Sia il Chianti normale che il “Classico” esaltano i formaggi stagionati e saporiti come, ad esempio, il Pecorino Toscano.

Per i vini più maturi è bene stappare la bottiglia almeno un paio d’ore prima del consumo, in modo tale da poter permettere al vino di riossigenarsi e di sprigionare i caratteristici aromi; ove necessario, può essere consigliato anche l’utilizzo di un decanter.

Siti internet da consultare sul Chianti

  • Consorzio del Vino Chianti
    http://www.consorziovinochianti.it/
    Sito del Consorzio del vino Chianti contenente informazioni sulla storia e sulle caratteristiche della produzione vinicola del Chianti, nonché sulle principali aziende produttrici.
  • Consorzio del Vino Chianti Classico
    http://www.chianticlassico.com/
    Sito del Consorzio del Chianti Classico, con informazioni sul territorio, sulle produzioni locali e sulle aziende produttrici.
  • Guida alla Scoperta dell’Area dei Vini in Toscana
    http://www.chianti.com/it
    Guida alla zona del Chianti: informazioni turistiche, produzioni tipiche e notizie utili.
  • Disciplinare di produzione del Chianti DOCG 
  • Disciplinare di produzione del Chianti Classico DOCG
Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *